Episodio 5: La Meditazione della Volontà

Condividi su

La Meditazione della Volontà è un metodo semplice e pratico per rilassare la mente e dirigere i tuoi Pensieri. Utilizzi la visualizzazione e la riflessione per ricordare chi sei al meglio di te e indirizzare la tua vita verso ciò che ti sta a cuore.

Questo ti aiuta a fare ordine nella tua mente, riconnetterti con ciò che è importante, ritrovare te stesso, rendere la morte il tuo migliore alleato e fare qualcosa di bello e utile per gli altri in questa vita.

È una delle 5 versioni della Meditazione delle 5 Qualità: la tecnica in 5 passi che distilla in 10 minuti l’essenza della Realizzazione personale e spirituale.

Questa è la terza pratica della Sfida delle 5 Settimane.

La Volontà

Cos’è la Volontà?

Sul dizionario viene definita in questo modo: facoltà di tendere con decisione e piena autonomia alla realizzazione di fini determinanti.

Stiamo parlando quindi della capacità di dirigere i tuoi Pensieri e indirizzare la tua vita verso ciò che ti sta a cuore.

Solitamente la Volontà viene vista come una forza misteriosa che ti sostiene a fare quelle cose che dovresti fare nella tua vita: migliorare la tua condizione, meditare, mangiare bene, fare esercizio o mettere da parte dei soldi. Qualunque siano i tuoi obiettivi.

Si tratta di qualcosa di determinante: i risultati dei sondaggi annuali dell’American Psychological Association segnalano sempre che il primo motivo per cui non si riesce a cambiare abitudine è la mancanza di forza di Volontà.

Uno studio molto famoso è il diabolico “Test del Marshmallow” di Walter Mischel alla Standford University, che fecero su oltre 500 bambini all’inizio degli anni 70: i bambini venivano messi in una stanza con un Marshmallow e gli veniva detto che se avessero aspettato 15 minuti a mangiarlo ne avrebbero ricevuto un alto (quindi uno adesso oppure due tra 15 minuti).

Naturalmente la durata media fu di circa 3 minuti prima di mangiare il Marshmallow, solamente una piccola parte dei bambini riuscì a durare fino alla fine. Analizzando la vita di questi bambini nei successivi 30 anni, Walter Mischel notò i risultati in termini di successo raggiunti dai bambini che avevano saputo aspettare erano di gran lunga superiori a quelli degli altri, che invece avevano il 30% in più di obesità e dipendenze.

Questo ci fa capire quanto la forza di Volontà è determinante nella vita, eppure non ci viene insegnato come utilizzarla al meglio e qual è il suo carburante principale, perché si tratta di una risorsa che si consuma come una batteria ricaricabile.

Quando ti ritrovi a procrastinare e a rinviare le cose che hai a cuore, pensi sempre di avere bisogno di più disciplina o auto-controllo, anche se non sai come fare.

In realtà questa è una bufala, come dice Leo Babauta di Zen Habits: “l’Auto-Disciplina è uno dei più grandi miti della nostra cultura”. Questo perché in realtà non abbiamo bisogno di più disciplina, dobbiamo solo indirizzare la disciplina che già abbiamo sulle giuste cose.

Il vero problema è che ti manca la motivazione, che è il carburante principale della forza di Volontà: la consapevolezza di qual è l’obiettivo che hai a cuore e del perché lo vuoi realizzare.

La motivazione viene a mancare quando i pensieri sono confusi, perché ti separano da ciò che sei realmente e creano un vuoto che cerchi di colmare per tutte la vita.

Anziché vivere le esperienze ed essere te stesso, semplicemente vivi nella tua testa. Non sai cosa vuoi, perdi di vista le tue priorità e ti lasci disorganizzare dalle incombenze, dalle aspettative degli altri e dalle false emergenze.

Ci sono infiniti studi su questo argomento: uno studio della Yakult UK rivela che 9 su 10 giovani soffrono della mancanza di uno scopo nella vita, uno studio della Association of Psychological Science dimostra che avere uno scopo allunga la vita e il MIDUS Study dimostra che avere uno scopo migliora la salute e ti fa vivere meglio.

La Volontà è il centro dello sviluppo personale e della formazione, punto debole di molti praticanti spirituali: si concentrano solo su raggiungere lo spazio tra i pensieri e realizzare cosa c’è oltre l’ego, evitando il contenuto della mente e scappando dalla realtà. Questo genera spesso solamente confusione e stress.

Lo stile di meditazione

Qualunque autentico percorso di Realizzazione personale e spirituale deve avere anche la Volontà al suo interno. Il risultato è più Felicità nell’area Professionale della tua vita.

La meditazione è uno strumento eccezionale per accrescere la Volontà, perché ti aiuta ad osservare la tua mente e comprendere come funziona, imparando a dirigere i tuoi pensieri su ciò che è veramente importante.

È stato scientificamente dimostrato che la meditazione accresce la concentrazione: aumenta la forza e la durata della tua attenzione, facendoti concentrare più a lungo e più facilmente. Inoltre potenzia la forza di Volontà, agendo sulle aree del cervello che regolano le emozioni e governano la capacità di decisione.

Questo beneficio è collegato una tecnica di meditazione che io chiamo “Attenzione Alternata”: ovvero alterni i 2 stili di meditazione più famosi dell’Attenzione Focalizzata e dell’Attenzione Aperta, imparando a passare consapevolmente da uno all’altro.

A cosa serve?

Per capirlo, devi prima sapere come funziona la tua mente. Ci sono 2 sistemi principali nel tuo cervello: il Default Mode Network e il Task Positive Network.

Il Default Mode Network è situato prevalentemente nella corteccia prefrontale mediale e riguarda il dialogo interno della tua mente, si attiva quando sei nel tuo mondo interiore: rifletti, immagini in modo creativo o sogni ad occhi aperti. Questo sistema è attivato dallo stile di meditazione dell’Attenzione Aperta.

Invece il Task Positive Network è situato prevalentemente nel sistema di attenzione dorsale e riguarda la tua relazione con il mondo esterno, si attiva quando sei concentrato su delle attività per raggiungere degli obiettivi. Questo sistema è attivato dallo stile di meditazione dell’Attenzione Focalizzata.

Questi 2 sistemi sono opposti: quando uno è attivo, l’altro viene disattivato. Per esempio quando sei concentrato su qualcosa il tuo dialogo interno si quieta, oppure se hai tanti pensieri per la testa non riesci a concentrarti su ciò che stai facendo.

Il problema è che non ti viene insegnato come funzionano questi sistemi e come passare consapevolmente da uno all’altro, per questo ti ritrovi a essere distratto quando dovresti essere concentrato, oppure a essere disconnesso da te stesso per i troppi impegni quotidiani.

La tecnica dell’Attenzione Alternata ti permette di passare consapevolmente da uno all’altro di questi sistemi, imparando a capire come funzionano e come utilizzarli al meglio.

La tecnica più conosciuta di questo stile di meditazione è l’alternanza di Shamatha e Vipassana della tradizione buddhista Theravada, però esistono pratiche simili in molte altre tradizioni.

Il problema di questo approccio è che spesso non viene fatto in modo completo, ovvero soprattutto in Occidente le pratiche meditative si concentrano molto più spesso sull’Attenzione Focalizzata che sull’Attenzione Aperta, oppure comunque lavorano solamente su una di queste due tecniche e tralasciano l’altra.
Nella Meditazione della Volontà, noi pratichiamo questa qualità alternando in modo preciso l’Attenzione Aperta e l’Attenzione Focalizzata, ovvero osservando prima in modo rilassato la tua mente per poi dirigerla con intenzione verso una direzione specifica. Tutto questo integrando la saggezza senza tempo con le moderne tecniche della psicologia e dello sviluppo personale.

Le 5 meditazioni

La Meditazione della Volontà è una delle 5 versioni della Meditazione delle 5 Qualità: la tecnica in 5 passi che distilla in 10 minuti l’essenza della Realizzazione personale e spirituale.

Ti ho presentato questo metodo nell’episodio 1, che ti consiglio di ascoltare se non lo hai già fatto.

La più grande forza della Meditazione delle 5 Qualità è che ti fa lavorare sulla totalità di te stesso, riequilibrando ogni aspetto della tua esperienza e realizzando la piena Felicità in ogni area della tua vita.

Ognuna delle 5 versioni di questo metodo si concentra su una delle 5 Qualità della Felicità, approfondendo uno stile di meditazione e lavorando su un’area della tua vita.

Nella Sfida delle 5 Settimane, dedichi un’intera settimana ad ognuna di queste meditazioni, facendo un reset di tutte le aree della tua vita per ripartire con un senso completamente nuovo di libertà e gioia.

In questa terza settimana ti dedicherai alla terza pratica: la Meditazione della Volontà.

La Meditazione della Volontà

La base di questa meditazione è sempre la stessa, cambia solamente la parte relativa alla Volontà, che viene approfondita maggiormente.

Quindi in questo caso la terza parte della meditazione sarà un poco più lunga, il resto invece rimarrà uguale alla Meditazione delle 5 Qualità. Praticherai sempre la tecnica per intero.

La meditazione dura sempre meno di 15 minuti e la puoi fare in piedi, seduto o disteso. È una meditazione guidata, quindi ti basta trovare una posizione comoda e ascoltare l’audio in un momento tranquillo, seguendo le istruzioni.

La mia voce ti guiderà in ogni fase della pratica, fino a quando non prenderai dimestichezza e potrai farla anche senza la mia voce a guidarti.

Utilizzerai la visualizzazione e la riflessione per rilassare la mente e dirigere i tuoi Pensieri, ricordando chi sei al meglio di te e portando l’attenzione al tuo Stato Naturale.

La Meditazione della Volontà è una tecnica unica nel suo genere, non solo perché utilizza sia l’Attenzione Aperta che l’Attenzione Focalizzata, ma anche perché integra la saggezza senza tempo con le moderne tecniche della psicologia e dello sviluppo personale.

Ti aiuta a fare ordine nella tua mente, riconnetterti con ciò che è importante, ritrovare te stesso, rendere la morte il tuo migliore alleato e fare qualcosa di bello e utile per gli altri in questa vita.

La struttura della pratica

La struttura della pratica sarà sempre simile.

Inizia trovando una posizione comoda (in piedi, seduto o disteso) e rilassando il corpo. Porta le mani sulle ginocchia o lungo i fianchi, tieni la schiena diritta e il mento leggermente in dentro, così da avere una posizione corretta. Fai un breve allineamento del corpo, chiudi gli occhi e resta presente a tutto ciò che percepisci.

Poi rilassa anche il respiro, seguendo il suo ritmo in modo naturale, senza cercare di cambiarlo. Aiutandoti con il respiro, apriti a tutto ciò che senti, piacevole o spiacevole. Accogli ogni emozione che provi, senza rifiutarla o giudicarla. Un respiro dopo l’altro, sei più aperto alle sensazioni che stai provando.

La mia voce ti guiderà a fare tutto questo in meno di 4 minuti e a questo punto inizierai la parte della Volontà.

Come funzionerà?

Per prima cosa rilasserai la mente e proverai ad osservare i pensieri con serenità. Rifletterai sull’idea che presto o tardi questa vita finirà e molti pensieri non avranno più importanza, quindi non ha senso farsi trascinare esageratamente da essi.

La morte è un elemento fondamentale della vita, integrare questo aspetto trasforma completamente la tua esperienza. Non a caso ogni serio percorso di Realizzazione personale e Spirituale ti fa riflettere sulla morte, dai Sutra del Buddhismo ai testi sacri del Cristianesimo, dalla PNL alla formazione professionale.

Durante la meditazione ricorderai che alla morte dovrai lasciar andare ogni cosa: il tuo corpo, le tue idee, i beni materiali, le persone. Rifletterai su come vorrai aver vissuto e su come vorrai essere ricordato dagli altri in quel momento. In questa parte della pratica osserverai semplicemente la tua mente con l’Attenzione Aperta.

Poi ti guiderò a portare l’attenzione sul tuo Stato Naturale: ciò che sei veramente, al di là delle idee limitanti, anche qui ed ora. Qui utilizzerai l’Attenzione Focalizzata.

Ricorderai chi sei quando dai il meglio di te ed esprimi le tue Qualità, libero e completo. In quei momenti fluisci con l’esperienza, ciò che fai ti ricarica e non ti stancheresti mai. Gli altri ti apprezzano e ti ammirano, perché sei di ispirazione e di beneficio per loro.

A questo punto impersonerai chi sei al meglio di te: nella postura, nell’espressione del viso, nel cuore, nella mente. Incarnerai i tuoi valori, la tua missione, la tua visione, i tuoi talenti e le tue passioni.

Questa forma di visualizzazione attiva, che potrebbe sembrare quasi recitazione, è uno strumento eccezionale di crescita che viene utilizzato in molte tradizioni spirituali: Tantra, Devozione (o Bhakti), Esoterismo occidentale, ecc…

Come si dice in inglese: “Fake it until you make it”, fingi fino a quando non diventa vero. Con il tempo, impersonando chi sei al meglio di te nel tuo Stato Naturale, creerai una nuova abitudine positiva nella tua mente e gradualmente trasformerai questa comprensione intellettuale in una Realizzazione interiore più profonda.

Ti guiderò a fare tutto questo in meno di 5 minuti, poi farai il resto della meditazione con le successive 2 Qualità sempre uguali.

Non è una meditazione complicata, in realtà è molto semplice. Il consiglio maggiore è quello di non concentrarti fin da subito sul cercare di raggiungere un certo risultato, ma invece osserva la tua mente e continua a esercitarti con questo metodo.

Istruzioni per la settimana

Questa è la Meditazione della Volontà, su primordialfreedom.it puoi scaricare gratuitamente gli audio e la dispensa scritta.

La sfida che ti lancio è di provare a fare questa pratica solo per una settimana, poi nel prossimo episodio scoprirai il passo successivo: la Meditazione della Fiducia.

Non lasciarti riassorbire subito dalle incombenze della vita, invece prendi l’impegno con te stesso di fare questa meditazione una volta al giorno per questa settimana, trovando un momento in cui hai 15 minuti a disposizione (non serve di più).

Quando fai la pratica formale, all’inizio ti consiglio di trovare uno spazio tranquillo in cui sei da solo, così da poterti concentrare meglio.

Nel resto della giornata prova a sperimentare anche in altri momenti solo la parte della pratica in cui impersoni chi sei al meglio di te nel tuo Stato Naturale. Il bello di questa tecnica è che puoi farla in ogni momento.

Nel corso di questa settimana fammi sapere come ti trovi con la Meditazione della Volontà, quali benefici senti o quali difficoltà riscontri. Puoi farlo commentando questo episodio o scrivendo nel nostro gruppo Facebook “Primordial Freedom – Le 5 Qualità della Felicità”, sarò molto felice di leggere la tua condivisione e rispondere alle tue domande!

Buona meditazione e sii felice!


Le 5 qualità della felicità

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *